Archivi della categoria: in Evidenza

Messaggio per l’inizio dell’anno scolastico 2021-2022

di S.E. Mons. Pasquale Cascio

Messaggio per l’inizio dell’anno scolastico 2021-2022

 

 

 

Carissimi,

bambine e bambini,

ragazze e ragazzi,

giovani tutti, insieme con i vostri genitori,

dirigenti, docenti e tutto il personale scolastico,

 

all’inizio del nuovo anno scolastico, mi rivolgo a voi tutti, membri della grande famiglia della scuola, seguita e amata dalla Chiesa. Noi ci sentiamo coinvolti nel vostro cammino e, con modalità e livelli differenti, vi sentiamo parte viva del nostro percorso ecclesiale: siamo tutti alla ricerca del sapere, che in ogni persona diventa sapienza, per un popolo è la sua cultura, per l’umanità è la sua civiltà.

Carissimi, vivete questo tempo unico e straordinario come un’avventura per scoprire la sapienza, che ci riguarda personalmente e ci permette di partecipare al destino dell’umanità, sentendo la responsabilità per tutto il creato, la nostra casa comune. Anche quest’anno si apre con la preoccupazione della pandemia del Covid-19, ma c’è un desiderio prepotente di vivere in presenza e in comunione l’esperienza scolastica. Siamo consapevoli dei passi in avanti compiuti per la sicurezza grazie alla vaccinazione. La Chiesa, seguendo papa Francesco, in sereno ascolto del progresso scientifico, ha invitato e ancora sollecita tutti a questo gesto di grande responsabilità e solidarietà: procedere alla vaccinazione per combattere insieme e per condividere la stessa sicurezza.

Invito tutti a non considerare questo nuovo anno con la sensazione del recupero, ma con la determinazione di compiere un grande passo avanti nella crescita personale, comunitaria e civile. Tutta la scuola si muove in questa crescita e determina questo progresso civile. Vi seguirò sempre con il mio affetto, la preghiera di benedizione e con il desiderio di incrociare più frequentemente i nostri cammini, che procedono nello stesso grande orizzonte dell’umanità, responsabile della creazione, ricevuta in dono e da consegnare come dono sano e salutare. Ricordiamo e impariamo che la storia, realizzata dalle generazioni che si susseguono, per le nostre scelte, può essere o causa di distruzione e morte o al servizio della vita da difendere e promuovere: la civiltà della vita si anima solo grazie alla civiltà dell’amore.

Un sereno e fruttuoso anno scolastico dal vostro arcivescovo.

 

Sant’Angelo dei Lombardi, 14 settembre 2021

+ Pasquale Cascio

 


Incontro vescovi “Aree interne”

il materiale della due giorni

Messaggio finale

“Sentinella, quanto resta della notte?”

Aree interne tra pastorale e progetti di riscatto

 

Riuniti a Benevento, sul monte delle Guardie, posti da Dio quali sentinelle del suo popolo, abbiamo anche noi udito il grido da Seir: “Sentinella, quanto resta della notte?” (Is 21,11). Già, quanto ancora dovremo attendere? Come pastori delle diocesi in cui ricadono alcune aree più marginalizzate del Paese, che appartengono a dieci regioni, abbiamo ascoltato la sofferenza e le attese del nostro popolo dovuta al progressivo spopolamento di molti centri e all’assenza dei servizi fondamentali. In uno stile sinodale abbiamo condiviso il senso di frustrazione delle nostre popolazioni e l’abbandono da parte delle istituzioni. I problemi maggiormente evidenziati sono diritti progressivamente negati, quali la salute, l’istruzione, il lavoro, la viabilità, l’ambiente salubre, le interconnessioni. Le comunità cristiane, spesso unico presidio e riferimento dei territori marginalizzati, sentono l’urgenza di contribuire al riscatto umano e sociale delle popolazioni di queste aree, declinando il Vangelo in modi sempre adeguati alla concretezza della realtà.

 

Dopo questo ascolto, accogliendo l’invito del papa, che ci esorta ad attingere “sempre nuovo entusiasmo dalla fede in  Gesù, il maestro paziente e misericordioso” e “a non lasciarci paralizzare dalle difficoltà” (Messaggio di papa Francesco ai Vescovi riuniti a Benevento), abbiamo deciso di rivolgere un messaggio alle nostre comunità e alle istituzioni.

 

A voi fratelli e sorelle, che abitate nelle aree interne, manifestiamo tutta la nostra prossimità, l’incoraggiamento a rendervi protagonisti di una nuova stagione di sviluppo, che non può realizzarsi senza un impegno comune. Vi invitiamo a fare rete, uscendo dalla logica dei campanili, vivendo la fraternità e la solidarietà.

 

Alle nostre Chiese locali chiediamo di vivere il prossimo cammino sinodale come una opportunità preziosa per ascoltare i nostri fratelli afflitti da storiche e incalzanti difficoltà, avviando così processi che portino a una pastorale specifica con uno sguardo attento alle realtà rurali. In questo recuperato slancio missionario ci impegniamo a

 

  • costruire un volto di Chiesa battesimale, partecipativa, coinvolgente e coraggiosa, in cui il contributo dei laici, e delle donne in particolare, venga adeguatamente valorizzato;
  • costruire ponti con le istituzioni nazionali e periferiche;
  • collaborare con gli attori istituzionali nella Sperimentazione nazionale delle aree interne (SNAI) e nella applicazione delle Zone economiche speciali (ZES);
  • adottare soluzioni pastorali capaci di formare le coscienze a vivere questo tempo di semina nella prospettiva di una solidarietà circolare; questo è particolarmente vero per la drammatica pandemia in atto.

 

 

Alle istituzioni nazionali, regionali e locali, alla vigilia dell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza, chiediamo di disegnare un nuovo modello di sviluppo, equo e condiviso, in cui le aree interne possono diventare concretamente “il polmone del Paese” (mons. Stefano Russo, segretario generale CEI), offrendo risorse e disponibilità a costruire intorno alle loro potenzialità di carattere naturale, paesaggistico, storico, religioso e culturale una vera prospettiva di riscatto.

 

Auspichiamo

  • che le risorse finanziarie contribuiscano alla realizzazione di opere fondamentali, facendo in modo che partano dalle zone più remote e raggiungano il centro;
  • che la diligenza dei fondi europei in arrivo non venga assaltata scompostamente, ma possa arrivare a destinazione con una distribuzione equa e trasparente;
  • che la cultura delle competenze prevalga sulla prassi del ricatto elettorale e del clientelismo;
  • che la tutela dell’ambiente, spesso lasciato a se stesso nelle aree meno antropizzate, contribuisca a ridurre i rischi di calamità naturali e a produrre uno sviluppo sostenibile

 

Nella consapevolezza che “non c’è nulla che sia più ingiusto quanto fare parti eguali tra diseguali” (don Lorenzo Milani), affidiamo queste riflessioni alle nostre Chiese, a quanti hanno a cuore e a quanti hanno in mano le sorti del Paese, nella fiducia che non resteranno lettera morta. “La carità, animata dalla speranza, sa guardare con tenerezza l’oggi e, con umiltà, rendere nuove tutte le cose” (Messaggio di papa Francesco ai Vescovi riuniti a Benevento).

 

Benevento, 30-31 agosto 2021

 

 

Vescovi per le Aree interne

 

Riflessioni di S.E. Mons. Pasquale Cascio

Incontro vescovi “Aree interne” 30_31 agosto 2021_Benevento


Indicazioni sul “Green Pass” celebrazioni liturgiche e processioni

Ai Parroci

Indicazioni sul “Green Pass” e celebrazioni liturgiche

 

Riporto di seguito uno stralcio della Lettera della Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana di ieri, 29 luglio 2021, riguardante la scheda sul “Green Pass” – introdotto da Decreto governativo e obbligatorio dal 6 agosto prossimo – e celebrazioni liturgiche.

 

«Il Decreto Legge del 23 luglio 2021, come ormai noto, introduce l’obbligo di munirsi di certificazione verde (“Green Pass”) per usufruire di alcuni servizi o prendere parte ad alcune attività determinate dalla Legge.

  • La certificazione non è richiesta per partecipare alle celebrazioni. Si continuerà a osservare quanto previsto dal Protocollo CEI-Governo del 7 maggio 2020, integrato con le successive indicazioni del Comitato tecnico-scientifico: mascherine, distanziamento tra i banchi, comunione solo nella mano, niente scambio della pace con la stretta di mano, acquasantiere vuote.

La certificazione è invece obbligatoria, a partire dal 6 agosto, per accedere ad altre attività organizzate o gestite da enti ecclesiastici, come ad esempio:

  • servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio (anche bar) per il consumo al tavolo, al chiuso; spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive;
  • musei, altri istituti e luoghi di cultura e mostre;
  • sagre e fiere, convegni e congressi;
  • piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, dei centri estivi, e le relative attività di ristorazione. Sono esplicitamente esclusi dall’obbligo di possedere la certificazione verde i partecipanti ai centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione. Questo significa che non è necessario il Green Pass per le persone coinvolte nei centri estivi parrocchiali (oratori estivi, CRE, GREST, ecc…), anche se durante esso si consumano pasti.

La certificazione è anche necessaria per partecipare ai ricevimenti successivi a celebrazioni civili o religiose (feste di nozze o altre ricorrenze) e per accedere alle RSA. Sono esenti dall’obbligo del “Green Pass” i minori di età inferiore ai 12 anni e i soggetti esenti sulla base d’idonea certificazione medica. Il controllo della certificazione spetta agli organizzatori dell’attività.»

La Lettera fa anche riferimento alle processioni. A tal riguardo la Conferenza Episcopale Campana ha precisato in una nota in data odierna che «dal momento che da noi l’unica modalità della processione è quella tradizionale, che prevede, di fatto, assembramento di fedeli, sia mantenuta ancora la disposizione vigente che vieta le processioni.»

Pertanto, nella nostra diocesi le processioni rimane in vigore per il divieto stabilito dalla Metropolia beneventana e dalle ultime indicazioni date dal sottoscritto: per le feste patronali, con il massimo rigore da accrescere a causa dell’incremento della pandemia, sono permessi solo quei segni indicati nell’ultima disposizione datata 28 giugno 2021.

Tali indicazioni ci aiutino a vivere bene e nel segno dei tempi le nostre numerose giornate festive legate alla venerazione dei santi patroni e protettori e le attività pastorali dei prossimi mesi.

 

Sant’Angelo dei Lombardi, 30 luglio 2021

 

+ Pasquale Cascio

      Arcivescovo

 


martedì 28 settembre 2021-Sala Teatro del Santuario San Gerardo Maiella in Materdomini (Av)

Incontro diocesano con i catechisti

 AI PARROCI

AI CATECHISTI/E DIOCESANI

 

Carissimi/e

Papa Francesco ci ha donato nella lettera Apostolica Antiquum Ministerium una meravigliosa traccia di riflessione e di riscoperta del servizio catechistico fino a istituirne il ministero. Nel numero 1 del documento si afferma che “il Ministero è molto antico e già nei testi del Nuovo Testamento è presente questo servizio per la trasmissione della fede e l’edificazione del Corpo Ecclesiale”. Al numero 4 il Papa fa riferimento al Concilio Ecumenico Vaticano II, grazie al quale la Chiesa ha sentito con rinnovata coscienza l’importanza dell’impegno del laicato nell’opera di evangelizzazione. Si tratta di una forma speciale in cui la Chiesa vive nel mondo la sua apostolicità.

Coinvolti dall’entusiasmo e dal vento dello Spirito che soffia nella Chiesa nel ministero del Papa, desideriamo riprendere il nostro percorso di catechisti per una catechesi rispondente ai tempi nuovi, perciò abbiamo pensato di avviare un confronto sinodale in un prossimo incontro diocesano, proponendo come piste di riflessione le seguenti proposte ai cui rispondere a livello parrocchiale e nell’incontro comune:

  • ogni parrocchia presenti il suo piano di catechesi dall’infanzia ai giovani e, dove possibile, gli adulti e le famiglie;
  • prevedere cammini alternativi in riferimento ai sacramenti non ricevuti o a situazioni di vita che richiedono un accompagnamento personalizzato;
  • riprendere la catechesi familiare sia per il catecumenato battesimale, sia per l’accompagnamento delle coppie di ogni età.

Durante il periodo pandemico abbiamo chiesto e ricevuto gli elenchi dei catechisti; tuttavia sarebbe utile conoscere, date le circostanze particolari, le esigenze reali delle vostre comunità parrocchiali.

L’incontro diocesano si pone al centro dopo un primo confronto parrocchiale e in vista di una effettiva ripartenza, pertanto siamo convocati martedì 28 settembre p.v., presso la Sala Teatro del Santuario San Gerardo Maiella in Materdomini (Av).

 

Programma

Ore 18,00 preghiera introduttiva

Ore 18,15 presentazione delle tre proposte operative con dibattito in assemblea moderato dall’Arcivescovo.

Ore 19,30 preghiera del Vespro.

 

Nell’attesa di incontrarci salutiamo cordialmente.

N.B. Per partecipare è necessario munirsi di green pass e di mascherina.

 

Sant’Angelo dei Lombardi, 7 settembre 2021.

Commissione Evangelizzazione e Catechesi

Ufficio Catechistico Diocesano

Mons. Pasquale Cascio


Il nuovo corso dell’Abbazia del Goleto

Il nuovo corso dell’Abbazia del Goleto.


La diocesi ringrazia i Piccoli Fratelli della Comunità Jesus Caritas per il fruttuoso servizio svolto al Goleto per 31 anni nello spirito del beato Charles De Foucauld.
Dal 19 luglio, con la partenza di fratel Oswaldo Curuchich, a cui va la nostra cordiale gratitudine, l’Abbazia del Goleto è affidata alla custodia del nuovo rettore don Salvatore Sciannamea insieme con padre Jonathan Cuxil, che costituiranno una fraternità sacerdotale diocesana. I servizi e la cura
spirituale propri di questo luogo continueranno nella disponibilità e nell’accoglienza a chiunque, per motivi diversi, vorrà visitare e fermarsi nell’abbazia.

I servizi offerti nella forma pubblica, ecclesiale e comunitaria sono:
-dal lunedì al sabato: Ufficio delle Letture e Lodi ore 7.00
-dal lunedì al venerdì: Ora Media e Adorazione Eucaristica dalle ore 15.00 alle ore 16.00
-dal lunedì alla domenica: Vespri e Celebrazione Eucaristica ore 18.00
-il rettore è sempre disponibile per l’accoglienza, la guida nell’abbazia, l’incontro spirituale, le confessioni personali e ogni altra forma di dialogo possibile.

È sempre opportuno avvisare, quando è possibile, per essere accolti e non vagare per il complesso monumentale, che rimane fondamentalmente un luogo di silenzio e di preghiera. È anche possibile l’accoglienza di gruppi per ritiri spirituali giornalieri. Invece, per la permanenza di più giorni è possibile solo fino a due persone, con motivazioni spirituali forti sia per consacrati o consacrate e sacerdoti sia per laici in cammino di ricerca e di fede.
Iniziative culturali e spirituali proprie dell’abbazia saranno presentate di volta in volta sia sul sito diocesano (www.diocesisantangelo.it) sia sul sito (www.goleto.it) e la pagina Facebook dell’abbazia (@abbaziadelgoleto).

Per ogni altra iniziativa di enti pubblici o privati, come già in passato, è necessario prendere accordi con la diocesi (Ufficio Comunicazioni Sociali e Ufficio Beni Culturali, che riferiscono al
Vescovo, alla e-mail curia@diocesisantangelo.it) e con il rettore dell’abbazia.
Rimane il principio che tutte le persone sono benaccolte al Goleto, non tutte le iniziative sono possibili.
Confidando nell’aiuto del Signore, nella protezione di San Luca, San Guglielmo e il beato Charles De Foucauld, il Goleto continuerà ad essere un luogo di preghiera, di spiritualità e di accoglienza dell’uomo pellegrino alla ricerca, che si ferma per scoprire il senso della vita e la presenza di Dio.

Contatti
Abbazia del Goleto: tel. 0827/24432
don Salvatore Sciannamea: e-mail donsalvas@libero.it, cell. 388/8139739
padre Jonathan Cuxil: e-mail cuxil.jonathan@gmail.com

documenti matrimoniali c/o curia

Avviso

Avviso

Si ricorda che la Cancelleria riceve per i documenti matrimoniali il martedì e il giovedì dalle ore 10.00 alle 12.00.

Altre indicazioni diocesane riguardo le feste religiose

Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia

Ai Parroci

 

Altre indicazioni diocesane per le festività religiose.

 

In seguito alle indicazioni della Metropolia beneventana emanate lo scorso 17 giugno, in conformità agli accordi CEI e Governo italiano, aggiungiamo quanto segue:

  1. non è possibile effettuare nessuna raccolta di offerte per il paese, è possibile solo un punto di raccolta in prossimità della chiesa;
  2. per dare un segno di gioia e di speranza è possibile allestire in maniera sobria le luminarie, tenendo conto della legislazione vigente;
  3. con il consenso dell’autorità civile, è possibile anche far brillare fuochi d’artificio, che non creino assembramento per la visione;
  4. in segno di animazione popolare, è possibile anche la presenza di un complesso bandistico, che esegua i brani musicali nella debita distanza o percorrendo senza seguito di popolo le vie del paese;
  5. non è possibile, per evidenti motivi di sicurezza, ogni altra forma di spettacolo di piazza, non potendo la parrocchia, unico ente organizzatore delle feste religiose, garantire quanto previsto dalle norme anti-Covid e pertanto già rientranti nel divieto assoluto della Metropolia;
  6. avendo escluso ogni forma di processione, nell’eventualità di Celebrazioni Eucaristiche all’aperto, il simulacro, se si ritiene opportuna la presenza, dev’essere portato in loco in forma strettamente privata e allo stesso modo riportato in chiesa.

Queste indicazioni devono essere valutate secondo la condizione economica-sociale-sanitaria di ogni comunità, tenendo sempre un confronto con il Vescovo, attenti all’evoluzione negativa o positiva della pandemia. Il Parroco, il Consiglio Pastorale e quanti operano per il bene della comunità abbiano sempre a cuore la vita spirituale e la gioia delle relazioni fraterne di tutti i cristiani, che in occasione delle feste religiose possono trovare espressione e crescita.

 

Sant’Angelo dei Lombardi, 28 giugno 2021 

+ Pasquale Cascio

Arcivescovo

 

 

P.S. Per una maggiore chiarezza nell’interpretazione, si allega il testo della Metropolia del 17 giugno 2021.

 

 

 

 

Metropolia beneventana

Indicazioni riguardo le feste religiose

 

 

Ai parroci

 

17 giugno 2021

 

L’attuale emergenza sanitaria – nonostante i segnali di ottimismo che fanno ben sperare – appare tuttora fluida e instabile. Pertanto, è richiesta ancora molta prudenza per evitare il rischio di vivere una nuova ondata epidemica, incrementata anche dalle varianti insorgenti. In forza di ciò, restano in vigore le disposizioni vigenti; per cui, in attesa di nuove indicazioni da parte della Conferenza Episcopale Italiana concordate con il Governo Centrale, ricordiamo che:

  1. restano sospese le processioni e ogni forma di festa esterna;
  2. non sono ammesse quelle manifestazioni che, senza concorso di popolo, si propongono di portare statue della Vergine o dei Santi lungo le strade del territorio parrocchiale;
  3. si raccomanda di vivere i limiti che tale situazione c’impone come un’opportunità per crescere nella preghiera e nella meditazione della Parola di Dio, dando valore di comunione ecclesiale e di aggregazione popolare alle celebrazioni liturgiche nel rispetto delle norme anti-Covid.

La Vergine Madre di Dio e i Santi intercedano per noi, perché possiamo fare delle nostre comunità luoghi di autentica fraternità.

 

 

Felice Accrocca

arcivescovo metropolita di Benevento

Arturo Aiello

vescovo di Avellino

Pasquale Cascio

arcivescovo di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia

Giuseppe Mazzafaro

vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata dei Goti

Sergio Melillo

vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia

Riccardo Guariglia

abate di Montevergine


Carmasius_Progetto Policoro

Catalogo irpinia in cammino

CARMASIUS

chi siamo

cooperativa impresa sociale specializzata nella promozione del territorio e in
itinerari turistici intercomunali di tipo integrato emozionale ed esperienziale

Carmasius, nasce come sesto gesto concreto del Progetto Policoro nell
Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia (AV).
Tale progetto è promosso e appoggiato dalla Conferenza Episcopale
Italiana (CEI) per affrontare la disoccupazione giovanile nel Sud Italia
proponendo una cultura diversa di lavoro, fatta di etica, di reciprocità e dilegalità .
La Società Cooperativa Impresa Sociale “Carmasius” è composta da
dinamiche e determinate donne, la cui grande sfida è creare economia e
sviluppo in Irpinia, operando in maniera innovativa e armonica, offrendo
un prodotto turistico di qualità, competitivo, e che possa rispondere alle
nuove esigenze del turismo. Le “Carmasius”, protese al recupero della
memoria e alla salvaguardia dei valori, sviluppano piani integrati per la
promozione dell’Irpinia accompagnando il visitatore in percorsi fatti di
odori, sapori, tradizioni, cultura, avvalendosi di enti, associazioni e
agenzie già presenti sul territorio.
L’ospite, con le sue esigenze e le sue peculiarità, è sempre al centro della
loro attenta progettazione: è per questo che ogni itinerario viene di volta
in volta rimodulato a seconda della tipologia di utenza.
Cosa c’è di più straordinario di riuscire a trasmettere valori, emozioni, del
piacere di far sì che bambini tocchino con mano esperienze dal passato,
che gli amanti della natura e dello sport possano trovare anche ricettività,
che chiunque, sentendosi ben accolto, possa dire “questa terra ha tanto da
offrire, ritornerò”. Proiettiamo insieme l’Irpinia in un futuro fatto di vita,
di possibilità di valorizzazione.


Domanda annuale per l’I.R.C. – Anno scolastico 2021/2022

Ai Docenti di R.C. con incarico a t.d.
Agli aspiranti all’insegnamento
LORO SEDI

 

Oggetto: Domanda annuale per l’I.R.C. – Anno scolastico 2021/2022

Carissimi,
in vista della compilazione degli elenchi-graduatorie per l’insegnamento di religione cattolica per l’anno scolastico 2021/2022, vi invio in allegato la domanda da compilare e restituire via e-mail all’indirizzo scuola@diocesisantangelo.it entro venerdì 30 luglio p.v.
Vi ricordo che i docenti che aspirano all’insegnamento possono presentare la domanda per il nuovo anno scolastico se sono residenti nel territorio dell’Arcidiocesi e se hanno conseguito il titolo di studio quinquennale rilasciato dagli Istituti di Scienze Religiose o altro titolo riconosciuto valido.
Con riserva, per ulteriori valutazioni, sono accettate anche le domande con titolo inferiore a quello sopra riportato.
Cordiali saluti e buone vacanze!

 

Sant’Angelo dei Lombardi, 9 luglio 2021
don Piercarlo Donatiello
Direttore